sabato 13 febbraio 2016

L'AMORE, L'UNICA COSA CHE CONTA



(Questo pezzo l'ho scritto il 13 Febbraio 2016. Temo sia il caso di ripubblicarlo, perché l'argomento "coppie gay e adozioni relative" sta di nuovo infiammando la rete. Non ho la pretesa di riuscire a portare ordine nella questione, ma sento il dovere di provare a dare una scossa a menti che sembrano non voler considerare il quadro d'insieme.)

Cosa rimane della nostra tanto sbandierata ricerca della felicità e della pace? Cosa rimane, nel momento in cui tendiamo a distruggere invece di costruire?
Al tanto vituperato Festival di Sanremo è andata in scena la parata dei diritti per le unioni civili e tutti coloro che non sono d’accordo (e sono tanti) parlano di pressione del Partito Democratico affinché si spinga sull’argomento. Anche in televisione. Anche in eurovisione. Una cosa abbastanza assurda, dal momento che le leggi si discutono ancora in Parlamento. Per ora.


È proprio la questione dei matrimoni tra persone del medesimo sesso a essere di per sé un assurdo. Nel senso che non è una questione. Si cerca di negare a due persone che si amano di convogliare a nozze. Scendono in piazza i cattolici, i conservatori, i cavalieri della “famiglia” e tutti a protestare che la “famiglia” è una e una sola.
Senza entrare nel merito di chi ha inventato il concetto di famiglia, la domanda da porre sarebbe: una legge di questo tipo cosa toglie alle coppie etero? Ecco, esatto, non toglie nulla. Qui non è in discussione il diritto di una coppia eterosessuale di formare una famiglia, ma permettere a coppie omosessuali (uomini o donne) di godere del diritto medesimo. A tutti gli effetti, che problema c’è? Sembra di tornare indietro a un tempo in cui i matrimoni misti (persone eterosessuali ma di etnia/colore della pelle/provenienza diversa) erano uno scandalo.
Alla fine, la sostanza è sempre la stessa: il problema delle presunte diversità.
Che cosa cambia a voi se Giovanna e Alessandra e Marco e Francesco si sposano? Avete due coppie di persone innamorate, che convogliano a nozze e vivranno la loro vita. Vivranno la loro vita, non la vostra. Voi continuerete a vivere come prima, senza ingerenze. È una questione di morale? Quale morale? Di chi? Dov’è il problema se due uomini fanno l’amore o se due donne fanno l’amore? Ci siete voi a letto con loro? Se due persone si amano, si cercano, si vogliono, si desiderano perché dovete vederla come una cosa che fa schifo? Fa schifo a chi? A voi? Beh, ma potete tranquillamente girarvi da un’altra parte e guardare altrove.
Si dice sia una cosa contro natura. L’omosessualità, intendo. E qui la vicenda assume toni grotteschi, perché ci sarebbe da chiedersi che cosa vuol dire “pro natura”.
Due individui consenzienti si guardano, si piacciono, ammiccano e poi si baciano.
Ops, sono due donne! Ops, sono due uomini! No! Brutto brutto! Sono malati, vanno curati, vanno…che cosa? Messi nell’incapacità di nuocere? E a chi? Di cosa stiamo realmente parlando?

Stiamo parlando di stereotipi, ecco di cosa. E vi faccio i classici esempi da bar:
 Giulio è un uomo e si vanta di essere andato con un sacco di donne e fa pure le corna alla moglie. Gli amici lo invidiano e lo guardano con rispetto (scopa un sacco!), mentre le donne lo guardano con una certa sufficienza anche se alcune, insomma, ci pensano (dicono che a letto sia proprio forte!). Giulio è definito uno stallone;
 Adriana è una donna che non ama le relazioni fisse. È adulta, piacente e va a letto con chi le pare, quando le pare. Uomini e donne la identificano con un solo aggettivo: puttana.

Questi sono gli esempi del giudizio malsano che la nostra società (sì, anche la vostra) pone addosso alle persone alla luce del sole, mentre all’ombra, nell’oscurità, dove non si parla e non si vede, ognuno ha fantasie proprie, segreti inconfessabili, desideri profondi; tutte cose che vengono represse per paura del giudizio di altri. Gli altri siete voi, che vi ergete a giudici e giurie della vita di persone come voi. Non meglio o peggio, esattamente come voi.
E allora, cosa succede se due persone dello stesso sesso si baciano e si mettono insieme? Sono due froci, sono due troie (chissà perché, poi…). Noi non lo accettiamo, facciamo i moralisti, facciamo le campagne per la salvaguardia delle famiglie tradizionali, ma sono anche i mariti di queste famiglie che vanno a cercare la prostituta per strada. Sono anche le donne di queste famiglie che vanno nei locali con le amiche (tutte sante madri di famiglia) che se vedono il bel fusto se lo farebbero seduta stante.
E allora, di cosa accidente stiamo parlando? Già, direte voi, stiamo parlando di istinti “naturali”. Cioè, in una parola: cazzate. Perché teoria vorrebbe che se sei sposato/a i tuoi istinti naturali li sfoghi con il tuo/la tua partner. Ma dal momento che siamo umani e siamo imperfetti (tutti), cadiamo nel tranello. Gli istinti naturali non hanno sesso, sono istinti e basta. Quindi, liberate la testa dall’immondizia che vi hanno venduto finora, perché amore e attrazione non hanno vincoli di genere. Fatevene una ragione e vivrete in un mondo già un pelino migliore.


L’altra questione che sta infiammando le strade, le case, i giornali e quant’altro è quella delle adozioni di bambini da parte di coppie gay. Praticamente, vista con gli occhi di voialtri, un abominio.
Avete una vaga idea di quanti siano ogni anno i bambini presi in carico da Istituti? Tantissimi. Abbandonati. Lasciati. Bambini perduti e invisibili. Creature sfortunate, perché per i motivi più disparati sono stati messi da parte. Una popolazione di cui non si parla quasi mai e che non ha la fortuna di avere una casa propria; nessuna persona che si occupi di loro e che loro possano identificare come mamma o come papà, solo operatori e operatrici. E solo in Italia. Possono essere adottati? Certo. Le pratiche di adozione? Un groviglio burocratico e costosissimo. In due parole: se vuoi adottare un bambino ti viene chiesto “prima” se puoi mantenerlo, con una trafila di documentazioni senza fine.
Eppure, se una donna rimane incinta la stessa domanda non si pone. Non si cerca di capire se la donna o la coppia possano permettersi un figlio (un bambino non è un soprammobile, ha bisogno di cure e di cose ogni giorno). Dicono che sia diverso avere un figlio biologico e adottarne uno; nel secondo caso si fa tutta questa lungaggine per la salvaguardia dei bambini.
Ah sì? E chi salva tutti gli altri? Chi salva quelli “biologici”? Come regoliamo la questione se i bambini abbandonati, rifiutati, lasciati, maltrattati, male educati, ignorati, picchiati, seviziati e gettati nei cassonetti vengono tutti (tutti) dalle sante coppie (sposate, non sposate, accompagnate, mamme single, “cazzo, è stato un errore!”) eterosessuali?

Sto forse dicendo che le coppie gay sarebbero una soluzione migliore? Ma certo che no! Sto dicendo che vorrei salvare tutti i bambini e poter dare loro una famiglia. Due persone che li amino e li coccolino e li facciano crescere, che non gli facciano mancare nulla, che li educhino a diventare brave persone a loro volta. E se sono due papà o due mamme che cosa importa? A chi deve importare? A Dio? E dov’è Dio quando questi bambini patiscono l’inferno sulla Terra? Vorrei sapere dai bravi cattolici dov’è Dio quando creature assolutamente innocenti sono al centro di trattamenti tanto disumani. Non solo nel resto del mondo, anche nella civilissima Italia. Si fa presto a riempirsi la bocca con “la parola di Dio” o a dire che la Bibbia vede la famiglia come l’unione di un uomo e una donna “davanti a Dio”. Ma i crimini commessi contro l’infanzia, e non parlo solo di pedofilia che di per sé è qualcosa di allucinante, hanno come protagonisti uomini e donne; non si fanno distinzioni di singolo orientamento sessuale quando si parla di questi crimini, ma di crimini e basta.
E sapete tutti quanti (TUTTI) che la sovrabbondanza dei denunciati e incriminati erano insospettabili “persone per bene”.

Un altro passaggio importante, per non dire che non ne parliamo: la questione in discussione in Parlamento sulla stepchild adoption, cioè la possibilità di adozione del figlio del proprio o della propria partner. Con le adozioni vere e proprie non c’entra nulla! Smettete di accorpare argomenti solo per creare un casus belli.
E quella roba dell’utero in affitto non è nemmeno all’ordine del giorno, ma è solo uno spauracchio buttato dentro per fare rumore. E dico: io non sono assolutamente d’accordo con questa cosa. Mi sta bene l’inseminazione artificiale, mi sta bene la “banca del seme”, mi stanno bene molte pratiche, ma quella di “affittare” una madre per poi portarle via il figlio appena partorito, no. Spero di essere stato chiaro su questo punto.


Ma io vado oltre e torno alle adozioni di bambini senza famiglia.
L’amore da dare a una creatura sola, che rischia di crescere sola e in un istituto, non è bellissimo? Non sarebbe meraviglioso se tutte le coppie, eterosessuali e omosessuali, svuotassero quegli istituti e portassero in una casa vera quei bambini per farli crescere in mezzo all’amore e alla gioia? Con i dovuti controlli? Ma certo! Ma ditemi, voi che sapete tutto, chi controlla le “famiglie tradizionali”? Chi fa dei veri controlli per vedere lo stato in cui versano i minori in tutte le famiglie vere, come vi piace chiamarle?

Certo che è una questione delicata. L’adozione lo è sempre, ma dovrebbe esserlo a prescindere, non dal sesso dei potenziali genitori. Queste sono, ancora una volta, cazzate.
E intanto che ci accartocciamo sull’argomento ci sono migliaia di bambini che soffrono, che sono soli, che non vedranno mai una famiglia tutta per loro. E ci sono uomini e donne meravigliosi che potrebbero dare non solo un futuro, ma anche una speranza a chi adesso speranze non ne ha.
Si spendono milioni di parole per definire la famiglia, ma la famiglia è fatta di amore e purtroppo la tanto sbandierata “famiglia tradizionale”, quella del Family Day per capirci, è la sola, per ora, responsabile di tutta una serie di veri abomini, di disastri, di storie raccapriccianti dove chi ne ha fatto le spese sono sempre e solo loro: i bambini.

C’è un però, in tutto questo. Un ulteriore problema posto più o meno da tutti, anche da esponenti del mondo gay (mondo gay… sembra di parlare di un altro pianeta… roba da medioevo, davvero): come risponderanno i bambini adottati da due papà o due mamme? Come sarà la loro crescita in una società che tende a mettere all’indice l’omosessualità come se fosse un virus? Il timore che vengano traumatizzati da tutta una serie di vessazioni e ingiurie contro la loro famiglia è alto e questo porta a pensare che, non solo la società non sia pronta per un simile passo, ma che addirittura si sforzi (la società, cioè noi) di essere peggio di quanto già non sia. Ha senso? Anzi, dov’è il senso in tutto questo?
Si preferisce lasciare i bambini da soli, dentro a strutture che, per quanto amorevoli, non sono case vere, non sono focolai domestici, non sono famiglie. Sono e rimangono dei ripieghi (per fortuna che esistono!) che dovrebbero fare da ponte a una nuova vita per questi piccoli.

Adesso immaginate un bimbo. Lo chiamiamo Marco. Ha pochi mesi e lo hanno abbandonato. Non chiediamoci perché, lo hanno abbandonato e basta. Marco viene accolto in un istituto dove persone buone si occupano di lui e lo mettono nelle condizioni di stare al caldo, di mangiare, di dormire in un lettino suo. Cresce per alcuni anni dentro a questo istituto. Tra le tante coppie che ne chiedono adozione ce ne sono alcune formate da due potenziali papà e due potenziali mamme. Immaginiamo che per lunghe questioni burocratiche le coppie etero che ne hanno fatto richiesta non rispondano ai requisiti richiesti, invece le coppie dello stesso sesso, sì. Senza una legge che approvi l’adozione per queste coppie, Marco dovrà continuare a vivere nell’istituto (o peggio, passato da una famiglia “temporanea” all’altra – esiste anche questo) crescendo senza una famiglia sua. Senza due volti da identificare come “la sua famiglia”. Senza l’amore che queste coppie potrebbero dargli. E adesso, se ne avete, guardate i vostri figli e immaginateli dentro a questi istituti.

Smettiamo di essere dei mostri e iniziamo a fare davvero gli “esseri umani”. I diritti sono di tutti. I doveri sono di tutti. Non puoi incasellare l’amore, perché l’amore è un sentimento “umano” e appartiene solo a noi.
Abbiamo fatto danni incalcolabili fino adesso, distruggendo vite e togliendo speranze. Proviamo a essere tolleranti, smettiamo di essere cattivi, tentiamo di dare speranza e futuro.
Solo l’amore ci potrà salvare. L’amore e basta. Non di chi verso chi.
E smettetela con questa storia del “contro natura”. Contro natura è quello che facciamo ogni giorno a questo pianeta e a noi che lo abitiamo.

Due persone hanno il diritto di amarsi e di creare il loro nucleo, se lo vogliono, a prescindere dal sesso di entrambi, dal "genere" e da tutte le altre stronzate. Etero e non-etero, non cambia niente: sono persone e basta!
E i bambini... Beh, ricordatevi che i bambini hanno solo diritti, non doveri. E hanno bisogno di amore. Di nient’altro che amore.

E non è vero che di amore non ce n’è.
Per accorgersene basta smettere di essere tanto disumani da voler guardare da dove viene.

Buona vita.